Come illuminare il bagno: idee e tendenze

Indice

Illuminare il bagno è una delle attività più creative e piacevoli quando si decide di arredare casa. Ecco allora di seguito alcuni suggerimenti su come illuminare il bagno con faretti, luci a sospensione, luci a soffitto, plafoniere e applique, in base alla vasta scelta presente sullo store online Deardesign.it. Di seguito, si esporranno importanti consigli per l’illuminazione del bagno.

Come illuminare il bagno: spunti interessanti

Come per ogni altra stanza anche per il bagno è indispensabile creare la giusta illuminazione.

Il bagno non deve essere né eccessivamente illuminato (perché potrebbe apparire duro ed inospitale), né eccessivamente buio, perché potrebbe non rispondere alle funzioni cui è destinato. L’ideale è utilizzare livelli di luce differenti e stratificanti, gestibili autonomamente, per poter scegliere a seconda delle esigenze l’illuminazione più adatte al momento.

Quali sono le idee vincenti per l’illuminazione del bagno

Quali sono le idee vincenti per l’illuminazione del bagno

Per sapere come illuminare un bagno, basti sapere che la luce generale di questo ambiente deve essere diffusa uniformemente e questo effetto solitamente si ottiene con fonti di luce installate a soffitto, a incasso o a sospensione. Ovviamente a seconda delle dimensioni del bagno bisognerà capire quanti punti luce sono necessari per raggiungere questo effetto di “diffusione”.

Risolto questo aspetto, si dovrà considerare l’illuminazione funzionale (e necessaria) delle diverse zone del bagno: la vasca o la doccia, il lavabo con lo specchio dove si concentrano la maggior parte delle attività in questo ambiente.

Se nella stanza da bagno c’è una vasca, si può considerare l’ipotesi di gestire l’illuminazione con un regolatore o dimmer, in modo da poterla tenere a bassa intensità quando ci si vuole rilassare, utilizzando magari anche qualche candela. Si trovano tante soluzioni per poter creare una zona relax, anche un angolino: vengono in mente le docce e vasche da bagno cromoterapiche, molto rilassanti e benefiche per il corpo e la mente.

La zona lavabo necessiterà invece di una buona illuminazione efficiente, perché è l’area in cui ci si specchia, ci si trucca, ci si fa la barba: tutte attività di precisione.  Questa zona specifica del bagno necessiterà quindi di una luce che non crei zone d’ombra e con regolazione della intensità a seconda delle esigenze. Meglio se la luce è direzionata sullo specchio: in questa zona una fonte di luce unica dall’alto creerebbe solamente ombre fastidiose.

Sicurezza e regole di illuminazione del bagno

Per capire bene come illuminare il bagno, oltre all’estetica, nella scelta del tipo d’illuminazione, bisognerà tener conto del fatto che in questa stanza, dove è facile il contatto con l’acqua, sarà necessario rispettare le importanti norme di sicurezza (le c.d. zone di pericolo 1 e 2). Infatti la normativa vuole che si identifichino, per ogni zona, dispositivi elettrici e di illuminazione di differente grado di protezione dall’acqua (IP). Analizziamo nello specifico questo aspetto della sicurezza.

Ed invero, dove si incontrano l’elettricità e l’umidità, bisogna fare estrema attenzione. Per motivi di sicurezza, esistono regolamenti speciali che eliminano i rischi e prevengono gli incidenti. Nel bagno c’è un livello di umidità elevato, quindi quando si sceglie una lampada per il bagno, non basta fare un acquisto esclusivamente in base dell’aspetto, ma bisogna controllare anche il materiale selezionato. Le lampade di lamiera corrodono nel tempo, quindi bisognerebbe evitare i prodotti troppo economici e prediligere quelli che sono in lega di qualità, vetro moderno o plastica. 

A  seconda del grado di pericolo, le aree a rischio sono suddivise in zone per bagni e docce.

Zona 0 

Questa area corrisponde al volume interno alla vasca da bagno o al piatto docci: qui si potrebbe utilizzare l’illuminazione subacquea. È consentito l’uso di dispositivi con la bassa tensione fino a un massimo di 12V, che possono essere installati nella parte interna della vasca. Questi devono essere nel gruppo di protezione almeno IP X7. Zona 1 

Comprende le pareti e il soffitto sopra la vasca da bagno o il piatto doccia che può trovarsi all’altezza dell’attacco del soffione o ad almeno 225 cm dal pavimento. In questa zona di sicurezza le lampade devono soddisfare il grado di protezione almeno IPX5 (protezione contro gli spruzzi d’acqua). È permesso installare alcune apparecchiature elettriche (scaldabagni, vasche idromassaggio, lampade e altro). Zona 2   Quest’area include pareti e soffitto intorno alla zona 1 fino a 3 m dal pavimento e 60 cm nell’asse orizzontale. Gli apparecchi devono soddisfare i gradi di protezione IPX4, incluso le lampade posizionate sopra il lavandino. Qui possono essere installate non solo lampade, ma anche ventilatori, scaldabagni, pompe per la doccia e attrezzature per vasche idromassaggio. 

Zona 3 

In questa zona si possono installare prese di corrente da 230 V con la possibilità della disconnessione automatica e con l’utilizzo dell’interruttore differenziale non superiore a 30 mA. Qui si possono montare  uci standard con un grado di protezione IP20.

L’illuminazione dei bagni con i faretti

L’illuminazione dei bagni con i faretti

Se si ha la fortuna di possedere una casa molto illuminata con un bagno ampio dotato di ampia finestra dalla quale entra la luce naturale, ci si potrà dedicare alla realizzazione dell’illuminazione come ausilio nei giorni grigi di brutto tempo, o per la fruizione del bagno di sera e di notte. Ad ogni modo, per soddisfare ogni tipo di esigenza gli interior design consigliano sempre di utilizzare luci a diversi livelli, che siano gestibili in maniera autonoma: faretti, applique, lampade sospese, ecc.

Nel corso degli anni anche l’illuminazione dello spazio dedicato al benessere, e ai momenti più intimi, ha assunto un’importanza fondamentale, in quanto punto di riferimento per il relax casalingo. Per prima cosa bisognerà studiare bene le posizioni dei punti luce in bagno. Le zone da illuminare maggiormente sono quelle vicino agli specchi, poi sicuramente la zona lavabo e la parte sopra la doccia o nei pressi della vasca da bagno. Per questi spazi, si presta particolarmente l’utilizzo dei faretti magari a LED a basso consumo energetico e massima resa.  Le luci più adatte per illuminare un bagno piccolo, ad esempio, sono senza dubbio le luci al LED. Primo perché consumano poco, poi, oltre a non scaldarsi, questo tipo di luci non risente dell’umidità. Infine sono da prediligere luci bianche per l’uso quotidiano, ma possono essere colorate per creare un’atmosfera particolare. Inoltre i led possono essere montati come faretti incassati nel controsoffitto, nel pavimento o lungo la base della vasca o del box doccia, o in alto, di fianco alla doccia a soffitto moderna, ad esempio, per creare un effetto da vero centro benessere.   In questo modo si saprà come valorizzare e rendere più funzionali determinati angoli del bagno. L’illuminazione bagno con faretti è perfetta e raccomandata per esempio per la zona intorno allo specchio, poiché davanti allo specchio del bagno in genere ci si trucca o si fa la barba, quindi si necessita di una luce diretta e di precisione. I faretti per bagno LED integrati non necessitano di manutenzione e permettono di risparmiare sulla bolletta dell’energia elettrica, sono quindi una soluzione ideale per l’illuminazione del bagno, qualsiasi sia il tipo di arredamento scelto. In tal senso, diverse sono le proposte interessanti di Deardesign.it.

Illuminazione del bagno con applique e lampadari

Illuminazione del bagno con applique e lampadari

Su Deardesign.it sono presenti numerose soluzioni di illuminazione per bagno, con una proposta convincente e molto ampia di lampade applique e di lampadari per l’illuminazione generale anche di questa stanza. Come detto sopra, infatti, le luci bagno sono stratificate per livello di intensità e in ragione del posizionamento strategico in determinati punti. 

Le applique sono quelle pratiche lampade a parete dal design moderno ed accattivante, perfette per illuminare la zona intorno allo specchio con una luce più diffusa rispetto ai faretti che propagano una luce d’accento. Le applique si possono scegliere per creare delle luci per lo specchio del bagno di design, ovvero con forme e stili più originali ed eleganti.

Per l’illuminazione di carattere generale di una stanza da toilettes non troppo piccola, sono invece indicati i lampadari bagno, ovvero lampade a sospensione installate sul soffitto, capaci di diffondere la luce in tutto l’ambiente. Le linee più essenziali e pulite delle plafoniere saranno perfette per gli arredi contemporanei, meglio se con fonte luminosa al LED a basso consumo e massima efficienza.

Sullo store Deardesgin.it è presente una vasta gamma di plafoni e di lampadari per bagni moderni, assolutamente rispondenti ad ogni necessità di gusto e funzione. 

Author

Write A Comment