Divani per cane: cosa sono e a cosa servono

Indice

Ebbene si, anche i cani hanno i loro divani. Il divano per cani, comunemente chiamato cuccia, è un complemento utile per aiutare gli amici pelosi a vivere meglio: è un ampio spazio confortevole, simile nel design alle poltrone. Ecco allora di seguito spiegato come devono essere i divani per cane.

Divani per cane: una aiuto per la scelta

La maggior parte di questi divani per animali domestici è dotata di schienali, affinché cani e gatti possano appoggiare la testa e godere di un maggiore comfort.

Con questo valido strumento, gli amici a quattro zampe smetteranno di avere brutte abitudini come quella di salire sul divano o sul letto di casa e avranno uno spazio tutto loro. I divani per cani sono utili anche per tutti quegli animali con malattie muscolari o problemi di mobilità, si tratta di un’ottima alternativa quando il cane dorme in una cuccia o in una costruzione simile.

La dimensione dei divani per cani, dipenderà dalla taglia di questi animali e da come piace loro riposare: completamente distesi su un lato o più raggomitolati e con la testa appoggiata sullo schienale. Si dovrà anche prendere in considerazione l’età del cane e la razza, poiché se è un cucciolo continuerà a crescere e il divano sarà un accessorio che dovrà durare anche per i successivi anni.

Poi ci si dovrà chiedere se il divano sarà per un solo cane o per più cani o se dovrà essere condiviso anche con dei gatti. In tutti questi casi, il divano dovrà anche essere più grande del solito, in modo che ci possa essere spazio per tutti. Come riferimento per scegliere le giuste dimensioni e per conoscere le misure del divano, si potrà misurare il cane sdraiato e aggiungere tra 10 e 15 centimetri per l’esatta determinazione della lunghezza.

Nella scelta del divano per il proprio cane, meglio assicurarsi che il materiale sia resistente a graffi e morsi di cuccioli giocosi o dispettosi.

Per quanto riguarda i materiali, un divano per cane dovrebbe essere fatto di tessuto traspirante. Inoltre, si consiglia di scegliere una stoffa o un materiale impermeabile con una imbottitura di qualità che non affondi o non si deformi. Se il cane perde molto pelo, bisognerà cercare un materiale che non si attacchi facilmente.

Se al cane piace stare in compagnia, il suo divano andrà posizionato nelle stanze principali come sala, cucina, living, etc etc… Le tipologie più diffuse di divani per cani sono: ortopedico, impermeabile, repellente, ipoallergenico e potranno essere acquistati in tutti i maggiori store online e negozi fisici specializzati per animali.

Sullo store online Deardesign.it la migliore selezione di divani per i salotti di casa se si vuol stare in compagnia dei propri animali domestici negli ambienti del living o della cucina openspace.

Come pulire il divano per cani

Per eliminare lo sgradevole odore della pipì sul divano, è necessario spruzzare dell’aceto bianco sull’area interessata e lasciare che si asciughi. Dopodiché si potrà cospargere il bicarbonato di sodio sulla zona interessata e lasciarlo agire per 2 ore per poi aspirare con l’aspirapolvere.

Nel caso in cui il divano sia ricoperto con un rivestimento, dopo aver assorbito l’urina con la carta assorbente, si dovrà mettere il copridivano in lavatrice a 40 °C, aggiungendo al detersivo e all’ammorbidente anche un bicchierino di aceto bianco.

Le cucce: in cosa differiscono dal divano per cani

Molti confondono il concetto di “divano per cani” con il significato di “cuccia per cani” o anche per gatti. In realtà si tratta di due cose completamente diverse. 

Per gli aspiranti padroni e per i cinofili attenti e premurosi non è ammissibile non conoscere la differenza tra questi due concetti e quando ci si appresa ad acquistare una cuccia, bisogna sapere esattamente di cosa si tratta. 

Se si è già molto bravi nella cura, nell’alimentazione e nel benessere del proprio amico a quattro zampe, non rimarrà che dargli un tetto sopra la tesa. E la cuccia è proprio questo, una abitazione per cani e gatti, una vera costruzione a mo’ di “casetta” realizzata in vari materiali e con un tetto sopra alla testa. 

A questo punto non rimane che scegliere fra legno o plastica, oppure ancora resina, o forse sarebbe meglio il multistrato? E la taglia? E il colore? Ma in estate sentirà caldo? E in inverno? Si può riscaldare, si può isolare? Ma come la pulisco? E se si rompe? E il tetto può essere a punta se il cane vuole magari dormirci sopra? 

Ci si accorgerà all’improvviso che le decisioni da prendere per l’acquisto di una cuccia da esterno per cani sono ardue e infinite!

Cucce in Plastica

Le cucce in plastica sono pratiche ed economiche. Facili da trasportare, non marciscono, funzionali nella pulizia e nella manutenzione, prive di pulci e parassiti, hanno soltanto una “piccola” controindicazione: non vanno molto d’accordo con gli sbalzi climatici. Tradotto in parole povere, la cuccia potrebbe diventare invivibile in caso di temperature più rigide e durante i periodi dell’anno più torridi e afosi.

La plastica è il materiale più facilmente contraffabile! Evitiamo di farci forviare dal prezzo. Una cuccia in plastica dal prezzo veramente molto basso potrebbe essere realizzato con materiale di dubbia provenienza e altamente tossico per noi e il nostro cane

Cucce in Legno ed Eco-legno

Le cucce in legno coniugano la sostanza alla forma garantendo l’isolamento termico ideale e un design “naturalmente” elegante che non si trova nella plastica. Il legno si integra per natura con gli elementi del giardino e offre in un sol colpo tepore invernale e frescura estiva. Le versioni più ecologiche poi sono il non plus ultra in fatto di rispetto dell’ambiente e della salute dell’animale. Il legno non è comunque un materiale perfetto e privo di difetti in assoluto. La principale controindicazione del legno è il possibile annidamento dei parassiti tra le fessure degli assi e il facile deterioramento.

Per ovviare al problema dei parassiti si possono usare cucce in legno di cedro che sono un ottimo repellente contro questo tipo di ospiti. In alternativa, si possono cospargere gli interni con piccole listarelle dello stesso materiale.

Hpl Multristrato e Resina Coibentata

L’Hpl multistrato, o laminato plastico, e la resina, perlopiù coibentata (vale a dire trattata con isolante) sono derivati plastici innovativi che garantiscono in un sol colpo cucce solide e sicure, ovvero super resistenti e indeformabili dagli agenti esterni. In pratica si tratta di cucce indistruttibili! Per sicure ci si riferisce alla loro eccezionale natura isolante e traspirante (soprattutto per l’hpl), nonché all’assoluto rispetto dell’ambiente che questi materiali garantiscono. Salendo di prestazioni, si sale ovviamente anche di prezzo. 

La sigla HPL sta per High Pressure Laminate, vale a dire un particolare tipo di laminato plastico dalle alte prestazioni, concepito per essere indistruttibile e indeformabile agli agenti atmosferici. È per questo che viene utilizzato per rivestimenti esterni di edifici e, appunto, per le cucce da esterno.

Da ultimo abbiamo le cucce in metallo, ovvero in acciaio o in alluminio, con scarse proprietà isolanti e che vengono però spesso utilizzate come box o trasportini per il viaggio. 

Author

Write A Comment