Designer famosi, chi sono?

Tra gli interior designer famosi ve ne sono molti che rappresentano delle vere e proprie icone nonché punte di diamante nel mondo dell’arredamento sia italiani che internazionali.

Designer italiani più conosciuti

La creatività dei designer italiani è una delle eccellenze del nostro paese presente in tutto il mondo. Quando si tratta di progettazione di interni, gli interior design di casa nostra spiccano per la loro straordinaria abilità nel coniugare ricerca, funzionalità, sperimentazione ed eleganza.

Le forme raffinate, i materiali innovativi e l’originalità dei progetti di arredo hanno portato i designer italiani alla conquista del mondo. Per proseguire l’esemplare tradizione avviata dai grandi nomi degli anni Settanta – come Ettore Sottsass e Franco Albini – servono competenza, passione e creatività straordinarie, doti che appartengono a un numero ristretto di professionisti.

Carlo Colombo

Carlo Colombo

Architetto di fama internazionale, Carlo Colombo inizia il suo percorso professionale nel 1992 e da allora ha vinto molti premi, riconoscimenti, avendo molto successo Colombo è stato nominato designer dell’anno a Tokyo nel 2004, pluripremiato dall’International Design Award di Elle Decor e poi da Gioia Casa, MD Magazine e dall’European Centre for Architecture Art Design and Urban Studies e The Chicago Atheneum.

La sua notorietà a livello internazionale è così importante, da avergli fatto conquistare la cattedra della De Tao Masters Academy di Beijing, dove, dal 2011 è docente di progettazione.

I marchi che hanno collaborato con l’architetto Colombo sono i più grandi brand del design Made in Italy tra i quali Poltrona Frau, Flexform, Giorgetti, Trussardi Casa, Bugatti Home e Poliform.

Per uno di questi marchi, Colombo ha realizzato la cucina Twelve, tipico esempio del suo stile essenziale. Le maniglie dei mobili di questa cucina scompaiono nelle ante per non interrompere la linearità delle superficie e il contrasto tra lucidità e opacità dei materiali esalta le forme essenziali.

Emmanuel Gallina

Emmanuel Gallina

 Dopo il diploma in Francia e il Master in Design & Management al Politecnico di Milano, questo professionista dà inizio alla sua carriera nel mondo dell’architettura d’interni.

Tra workshop e conferenze in tutto il mondo, Gallina colleziona decine di riconoscimenti internazionali ed entra a pieno titolo nell’ambita cerchia degli interior designer famosi italiani.

Il tratto distintivo che accomuna tutti i suoi progetti è la semplicità, che da vita a linee sobrie e forme essenziali unite ad una rigorosa attenzione per il dettaglio.

Gli arredi progettati da Gallina sono adatti ad ogni ambiente e riescono a incontrare ogni esigenza. La collezione Aikana, ad esempio, si sposa sia con gli spazi interni che esterni nel rispetto del comfort e della funzionalità di ogni contesto.

Paola Navone

Paola Navone

Questa designer è cresciuta professionalmente accanto a maestri italiani del calibro di Ettore Sotsass, Andrea Branzi e Alessandro Mendini. Paola Navone intraprende un percorso originale ed eterogeneo nell’ambito dell’architettura e del design.

La passione per l’Oriente la porta a trascorrere quasi vent’anni tra India, Indonesia, Thailandia, Vietnam, Cina e Filippine e ad esplorare culture e stili esotici che la renderanno unica ed inconfondibile nel suo stile.

La Navone ha una personalità poliedrica: è architetto, arredatrice, saggista, insegnante e curatrice di esposizioni ed è in grado di soddisfare la porpira curiosità in progetti di design apprezzati in tutto il mondo. 

Ghost è una collezione di divani, divani letto, letti  e poltrone firmata Paola Navone che dimostra in maniera evidente la contaminazione che contraddistingue il suo stile, con una vasta proposta di tessuti e rivestimenti.

Matteo Thun

Matteo Thun

La notorietà internazionale di questo designer è il risultato di un lavoro pionieristico che l’architetto ha iniziato negli anni Settanta.

Anche lui, come Paola Navone, è stato contaminato dallo stile di Sottsass col il quale ha fondato la Sottsass Associati e, successivamente, il Gruppo Memphis.

Con il proprio studio Matteo Thun & Partners ha progettato rinomati hotel di lusso, residenze per il benessere e sedi di grandi aziende.

Lo stile di Thun si contraddistingue per il  rispetto del paesaggio naturale e l’equilibrio tra innovazione e sostenibilità. Anche nel design di prodotto è presente l’attenzione al contesto nonchè l’offerta di strutture durature così come accade per l’intera progettazione architettonica firmata da Matteo Thun.

Per chiunque intenda scegliere una cucina moderna e funzionale le collezioni di Matteo Thun rappresentano una preziosa opportunità di aggiungere un tocco green all’arredamento di casa.

Le venature del legno sono protagoniste degli elementi modulari e i top disponibili in alluminio, marmo o pietra, completano le composizioni con sofisticata eleganza

Designer internazionali famosi: alcuni nomi

Anche nel panorma internazionale esistono molti designer famosi e non si può di certo prevedere chi potrà seguire le orme di un enfant prodige come Karim Rashid, o ripercorrere le carriere eclettiche di una Patricia Urquiola .

Uno stimolo mportante per le giovani generazioni di designer è da sempre il confronto diretto con i grandi maestri che possono essere di esempio.

Tra questi bisogna annoverare sicuramente anche il francese Philippe Starck, che a soli 20 anni era art director di Pierre Cardin o l’olandese Marcel Wanders, fondatore del movimento concettuale Droog Design, da cui sono nate opere di arredamento e design industriale originalissimi.

Alcuni esempi di oggetti di design famosi

Gli oggetti di design famosi hanno rivoluzionato il modo di arredare casa a partire dalla fine dell’Ottocento e per tutto l’inizio del 900. Una vera e propria esplosione creativa di questi oggetti si è avuta però negli anni ’60.

Si tratta di oggetti diventati icone che hanno trasformato per sempre gli ambienti, dalla cucina al soggiorno, grazie a una nuova idea di funzionalità, più vicina alle esigenze e alle sensibilità moderne. Ecco di seguito alcuni esempi di oggetti di design famosi.

Sedia Wassily (1925). Nota anche come sedia Modello B3, è stata progettata dall’architetto e designer di origine ungherese Marcel Breuer, all’epoca direttore del laboratorio del legno presso il Bauhaus di Dessau. Il nome si deve a Vassily Kandinsky, che volle per sé il primo esemplare.

Chaise-longue LC4 (1928). Disegnata da Le Corbusier, Pierre Jeanneret e Charlotte Perriand nel 1928 e resa celebre dal 1965 da Cassina. Il modello LC4 è la chaise longue per antonomasia. La forma riflette la volontà dei progettisti di mettere l’uomo al centro dell’attenzione.

Poltrona Barcelona (1929). Creata nel 1929 per l’Esposizione Internazionale di Barcellona, questa sedia è stata progettata dal direttore del Bauhaus Ludwig Mies van der Rohe in collaborazione con l’architetto Lilly Reich.

La Moka Bialetti (1933). La famosissima  macchina da caffeè Moka disegnata da Alfonso Bialetti, dal design Art Decò, ha rivoluzionato il modo di preparare il caffè. Grazie all’ambizione del figlio Renato, sopravvissuto ai campi di concentramento tedeschi, la pubblicità la fa entrare in tutte le case del mondo.

Sedia Tulip (1955). Entra nella lista di diritto la celebre Tulip Chair, creata da Eero Saarinen per affrontare il “mondo brutto, confuso e irremovibile” osservato sotto sedie e tavoli.

Lampada Arco Flos (1962). La coppia creativa Achille & Pier Giacomo Castiglioni dà vita a un punto luce che appare ed è “sospeso” sopra al luogo di interesse – un tavolo, una scrivania, un libro – senza dover essere vincolati a un punto fisso.

Sedia Panton (1967). Una delle prime sedie in plastica ad essere prodotte e la prima stampata ad iniezione, la Panton Chair (in danese Pantonstolen) è un’icona del designer danese Verner Panton.

Vieni a scoprire le collezioni dei designer più famosi al mondo nel nostro sito Deardesign.it

Author

Write A Comment