Come scegliere la pavimentazione del giardino

Scegliere la pavimentazione giusta in giardino è fondamentale per trasformare lo spazio esterno della casa in una location piacevole e accogliente.

Non si tratta solo di una questione di estetica, ma è necessario creare un ambiente confortevole ed accogliente.

La scelta deve riguardare:

  • i colori
  • i materiali
  • le dimensioni
  • lo stile

I giardini, infatti, non sono tutti uguali tra loro: ognuno di essi ha il suo stile e il pavimento da scegliere, deve adattarsi di conseguenza.

Lo stile italiano è quello più tradizionale, ma vale la pena di valutare anche quello mediterraneo, quello inglese e quello country.

Non vanno dimenticati, poi, lo stile provenzale e lo stile orientale, sempre molto ricercato. Decisamente recente è il New Dutch Wave, una novità che sta catturando l’attenzione di molte persone.

Ma quale che sia lo stile del giardino, quello che conta è che la pavimentazione su cui si punta sia in grado di metterlo in risalto e di integrarsi in modo armonico, per dare vita a un paesaggio omogeneo ed uniforme.

Come è facile immaginare, sono tanti i fattori che bisogna valutare prima di acquistare il pavimento per il proprio giardino.

Bisognerebbe tener conto, per esempio, dei complementi di arredo che si sceglieranno e si metteranno, proprio per non rischiare una certa disomogeneità di stili.

Inoltre è molto importante conoscere le caratteristiche della zona in cui il giardino è situato.

Se, ad esempio, si vive in un’area abbastanza umida o in cui si registrano sbalzi di temperatura molto elevati, sarà necessaria una pavimentazione spessa e soprattutto idrorepellente, in grado di resistere al trascorrere del tempo.

Per quel che riguarda l’ampiezza delle superfici, in un giardino di dimensioni ridotte sarà necessaria  una pavimentazione ad hoc, concepita per esaltare gli spazi e valorizzarli affinché sembrino più vasti.

Non vi sono particolari vincoli, invece, se il proprio giardino è grande. Come è ovvio, a seconda della destinazione di utilizzo bisognerà valutare con cura l’acquisto dei materiali.

Infine, dal punto di vista estetico, gli esperti raccomandano di evitare i contrasti cromatici troppo marcati: ecco perché sarebbe meglio privilegiare le tonalità neutre, magari evocative dei colori che già caratterizzano il giardino.

La pavimentazione di un giardino, destinata a una costante esposizione all’aria aperta dovrà essere realizzata con materiali resistenti alle muffe e ai carichi, antimacchia e antigelo.

Essa, inoltre, dovrà sopportare senza problemi gli sbalzi di temperatura. La scheda tecnica del prodotto, ad ogni modo, riporterà tutte le caratteristiche più importanti.

Di certo, le possibilità di scelta saranno molteplici: se il legno e il calcestruzzo appaiono come le opzioni più scontate, meritano di essere prese in considerazione anche le lastre in cotto, la gomma riciclata, la plastica laminata e le lastre in pietra naturale.

Il pavimento di un giardino, inoltre, può essere realizzato anche in pvc o in gres porcellanato.

Calcestruzzo

Calcestruzzo

Un grande classico per la pavimentazione da giardino è rappresentato, come si è accennato, dall’utilizzo del calcestruzzo, che ha il pregio di essere molto conveniente dal punto di vista economico.

Si tratta di un materiale apprezzato in virtù della sua versatilità: infatti, è adatto a qualsiasi tipo di giardino anche perché può essere personalizzato sia nelle dimensioni che nelle forme.

Il calcestruzzo inoltre è vantaggioso perchè non ha bisogno di collanti, non richiede una notevole manutenzione ed è facile da posare.

Le mattonelle e le piastrelle in calcestruzzo sono generalmente già pronte all’uso. Ma se si desidera, si possono anche scegliere degli stampi ad hoc per ottenere delle soluzioni su misura.

Legno

Legno

Una valida alternativa può essere rappresentata dal legno: materiale molto adatto alla pavimentazione da esterni, a differenza di quel che si potrebbe immaginare.

Nel corso degli ultimi tempi sta andando di moda il decking. Si tratta di una pavimentazione basata su blocchi che sono predisposti in quadrati.

C’è da tenere conto, comunque, che il legno non è in grado di sopportare carichi eccessivi: insomma, va bene per una passerella pedonale, ma non per un parcheggio o un vialetto su cui devono transitare i veicoli.

Inoltre, prima della posa c’è bisogno di una preparazione specifica, che comprende la messa a punto di una pendenza tale da prevenire i ristagni di acqua.

In alternativa al legno, si può optare per la plastica laminata, che si può pulire con facilità e presenta una straordinaria resistenza.

Il suo pregio è quello di imitare sia i colori che le sfumature del legno in modo impeccabile; inoltre, la manutenzione è minima.

Altri materiali

Altri materiali

Le lastre in pietra posseggono un fascino innegabile, e sono anche facili da collocare e al tempo stesso appaiono resistenti. Esse costano poco e sono consigliate anche per parcheggi e viali. Volendo, si può progettare una certa distanza tra loro, così da consentire la comparsa di ciuffi di erba fra le fughe.

Un pavimento in gomma riciclata, invece, è indicato se si hanno dei bambini.

Oltre alla pietra, per il giardino bisogna tenere presenti i vantaggi del pvc, che può essere realizzato in una grande varietà di colori, anche se non dura più di una decina di anni.

Infine si può scegliere anche il gres porcellanato, disponibile in tante gradazioni cromatiche e resistente: se si desidera, si può ricorrere a una versione in simil marmo, molto semplice da pulire.

Author

Write A Comment