Come scegliere il divano: idee e suggestioni

Indice

Quando c’è da capire come scegliere il divano di casa, meglio valutare tutti gli aspetti. Bisognerà tenere in considerazione quindi non solo lo stile di arredo del salotto o della zona living (stile classico o moderno cui dovrà inevitabilmente accordarsi un divano rispettivamente rotondo o lineare), ma anche la funzionalità e soprattutto i metri quadri a disposizione per poter scegliere fra gli infiniti modelli: a due o tre posti, ad angolo, con penisola, etc etc…

Vediamo di seguito alcuni utili e validi suggerimenti per una scelta oculata del divano.

Come devono essere le dimensioni divano

Come devono essere le dimensioni divano

Il divano è indubbiamente l’elemento d’arredo più vissuto in una casa e quindi oltre ad abbellire e decorare l’ambiente, dovrà essere anche il fulcro per attività di svago e relax.

Quando ci si appresta a scegliere il divano giusto, è opportuno valutare non solo lo stile ma anche le dimensioni, che dipendono da alcuni fattori importanti, come lo spazio disponibile nella stanza, la presenza di mobili, oppure di porte, spigoli e finestre.

Riguarrdo alle dimensioni, bisogna subito precisare che i migliori divani non hanno misure standard, ma possono cambiare in base al modello ed al numero dei posti a sedere.

Indicativamente, le misure possono essere:

  • profondità 90 – 100 cm;
  • larghezza 2 posti 150 -180 cm / 3 posti 180 – 240 cm;
  • altezza da terra della seduta 40 cm, mentre quella complessiva del divano 80 – 90 cm.

I divani salotto, devono essere collocati all’interno di una zona living o soggiorno rispettando alcune regole di spazio.

Ad esempio, per consentire un passaggio agevole tra il divano ed un altro mobile, è opportuno che ci siano almeno 60 cm di spazio. Inoltre, qualora il divano si trovi adiacente alla zona pranzo, è consigliabile che ci siano almeno 120 cm di spazio dal tavolo. 

Nel caso in cui si abbiano due divani disposti uno di fronte all’altro, la distanza fra loro dovrà essere di almeno 160 cm. Se si vuole anteporre al divano un tavolino da caffè, quest’ultimo dovrà essere disposto almeno a 50 cm, sia per consentire il passaggio che l’utilizzo del tavolo senza necessità di alzarsi.

Divani dimensioni ridotte: perché sceglierli

Divani dimensioni ridotte: perché sceglierli

Tanti sono i modelli e le tipologie di divani presenti in commercio, dal classico 2-3 posti al divano ad angolo e componibile.

Generalmente si è portati a pensare che un divano due o tre posti, quindi dalle dimensioni ridotte e compatte sia adatto solamente agli ambienti piccoli e angusti, mentre non è esattamente così. Si può scegliere un sofà due posti, ad esempio per “riempire” anche visivamente un ingresso o un disimpegno anonimo, oppure per arredare l’home office o per la stanza da letto.

Alcuni modelli di divani dalle dimensioni ridotte, inoltre, grazie alla loro leggerezza, possono essere trasferiti da una stanza all’altra della casa, senza troppa fatica, contribuendo in pochi step a rendere più accogliente il living, soprattutto nel caso in cui aumentino gli amici o gli ospiti. In genere, un divano di dimensioni ridotte ha due o tre posti e l’imbottitura del braccioli è ridotta per diminuire l’ingombro e rendere più spaziose le sedute. 

Visitando lo store Deardesign.it sarà possibile rinvenire tutte le soluzioni di stile e di spazio nella scelta del divano, più adeguate alle proprie esigenze.

Divani seduta profonda: quali sono

Divani seduta profonda: quali sono

Comunemente, si è portati a pensare che un divano di qualità debba avere una seduta profonda, ed in realtà tale convinzione non è del tutto sbagliata.

I divani profondi sono estremamente comodi e accoglienti. La seduta profonda infatti, consente anche a persone molto alte di statura di trovare la giusta e perfetta posizione di riposo. La profondità di seduta di un divano comodo nella dimensione della seduta deve essere almeno di 80 cm.

In generale, la comodità di un divano è determinata sopratutto, oltre che dalla profondità della seduta anche dalla tipologia di imbottitura utilizzata per i cuscini, lo schienale ed i braccioli. I gusti possono essere diversi: c’è chi predilige i divani poco profondi e chi invece quelli dalla seduta morbida e confortevole realizzata magari in piuma d’oca.

Tutti sanno che i divani profondi sono estremamente comodi e accoglienti.

Nel catalogo del negozio e dello store online Deardesign.it sarà possibile trovare divani lineari o angolari con diverse tipologie di profondità, di tutti i materiali e per tutti i gusti.

Prima di tutto c’è comunque da precisare che i divani profondi sono caratterizzati da linee morbide ma al contempo moderne, dal design contemporaneo e di tendenza e si possono realizzare in qualsiasi tipologia di rivestimento: vera pelle, tessuto sfoderabile, oppure in comoda microfibra anti-macchia.

Un divano molto profondo sarà anche caratterizzato da un altezza di seduta non esagerata, al massimo di cm. 40-42. I dettagli, le finiture e le dimensioni del divano profondo possono essere le più diverse e personalizzabili.

Come scegliere i cuscini per il divano: idee

Come scegliere i cuscini per il divano: idee

Una volta individuato e comprato il divano, dello stile e delle dimensioni giuste e con la giusta profondità di seduta, non rimarrà che completarlo con dei cuscini da scegliere anche questi accuratamente.  Il tocco finale dei cuscini è immancabile, ecco alcuni suggerimenti.

Per quanto riguarda le dimensioni, molto dipenderà dalla funzione che dovranno avere i cuscini: se serviranno solo a decorare l’ambiente del living o avranno uno scopo e una ben precisa funzione. La risposta a questa domanda influenzerà imbottitura, grandezza e forma dei cuscini stessi.

Nel caso di cuscini puramente decorativi, i più grandi andranno posizionati nella parte esterna e decresceranno verso l’interno, sarà meglio però non oltrepassare mai l’altezza dello schienale.
Nel caso in cui i cuscini servano a sostenere schiena, testa o piedi allora dovranno essere adeguati per la funzione “ortopedica” che andranno a ricoprire: più rigidi, allungati o rotondi.

Per sapere come scegliere il colore dei cuscini, basterà selezionare una palette di colori da seguire in tutto il salotto sia per il divano, i rivestimenti, i mobili che per i cuscini. Se l’ambiente è monocromatico, si potrà giocare con cuscini dalle tinte vivaci e sgargianti proprio per donare un tocco di colore. Se invece si hanno già pareti o arredi colorati, sarà meglio mantenere un equilibrio cromatico che si adegui anche allo stile complessivo.

Come scegliere il colore del divano, consigli

Come scegliere il colore del divano, consigli

Molto semplice: se il salotto è in stile moderno sarà meglio puntare su un divano monocolore, magari con delle tonalità neutre e ben abbinabili come il bianco e il nero o far fare al divano da contrasto con il resto dell’arredamento, scegliendolo in colori accesi. Quando invece l’arredamento è in stile rustico o country meglio puntare a tonalità calde e naturali (come quelle del legno o il beige); infine se è shabby-chic meglio le tantissime tonalità del beige.

Se chi arreda il salotto ama le tonalità accese, può scegliere colori sempre attuali come il blu, simbolo di equilibrio, nelle sue diverse tonalità: da quello più scuro a quello più chiaro (come l’azzurro cielo). L’abbinamento perfetto per un divano blu è con il bianco, il giallo, e il grigio. 

Il divano rosso, invece, è sinonimo di energia, il rosso è il colore di chi osa, una tonalità forte che può essere smorzata in abbinamento al bianco dei dettagli e al grigio, nonché al color legno e al beige dei complementi, dei pavimenti o delle pareti.

Un altro colore molto particolare è il giallo, in tutte le sue sfumature e declinazioni. Sicuramente si tratta di una tinta di grande impatto, che può essere attenuata con blu, grigio, nero o bianco. Il giallo si adatta perfettamente allo stile di arredo industriale o etnico. 

Su Deardesign.it tutte le possibilità di scelta di modelli e colori per i divani di casa vostra.

Author

Write A Comment