Come pulire un tavolo: tecniche in base ai materiali

Indice

I mobili di casa a volte hanno bisogno di particolari cure e accorgimenti nella pulizia a seconda dei materiali di cui sono costituiti. Ecco allora di seguito alcuni validi suggerimenti per sapere come pulire un tavolo rispettivamente in legno, in vetro temperato, in marmo, in cristallo o di ferro. 

Come pulire un tavolo di legno: suggerimenti

Come pulire un tavolo di legno: suggerimenti

In genere, la soluzione di acqua e aceto, può essere impiegata per ogni superficie in legno anche per eliminare i graffi e le rigature dal legno. Acqua e aceto infatti rappresentano delle componenti altamente idratanti.

Quando si tratta di complementi d’arredo, più che una semplice pulizia, per ottenere risultati soddisfacenti, si può eseguire una lucidatura. Per lucidare i mobili, e nello specifico un tavolo in legno, è possibile usare la gommalacca. La gommalacca può essere applicata con un pennello anche se si consiglia di eseguire un’attenta rifinitura con un tampone o uno stoppino.

Chi è a caccia di rimedi naturali per la pulizia del legno laccato può contare sull’aceto che oltre a pulire può restituire il vecchio colore brillante lucido al legno del tavolo.

Ecco comunque i principali rimedi naturali per la pulizia del tavolo in legno. 

Acqua e aceto

L’aceto può essere usato sia per pulire il legno laccato che il legno naturale. Le istruzioni da seguire sono semplici:

-Prendere uno straccio imbevuto di una soluzione data da parti uguali di acqua calda e aceto.

-Passare lo straccio sulla superficie del legno da pulire. In caso di legno naturale, meglio seguire le venature del legno.

-Ripassare subito con uno straccio morbido e asciutto.

Per lucidare il legno, meglio usare olio appena tiepido e aceto. Anche in questo caso, si dovrà seguire la direzione delle venature del legno.

Acqua ossigenata

L’acqua ossigenata può essere usata come detergente per la pulizia del legno a contatto con gli alimenti (tavolo e piano da lavoro in cucina, taglieri…). Ma è uno sbiancante, quindi va usata a bassa gradazione e sempre diluita.

Come pulire un tavolo in vetro temperato: tecniche

Come pulire un tavolo in vetro temperato: tecniche

Il tavolo in vetro, sia esso satinato o temperato, è ormai molto diffuso nelle case moderne, regala una luce particolare all’ambiente in cui viene inserito, risultando leggero e versatile: adatto sia ad arredamenti moderni che a stili più classici, per un abbinamento di “contrasto”.

Un tavolo con piano in vetro necessita però di una pulizia attenta, frequente e delicata: la pulizia del tavolo in vetro va effettuata ad intervalli regolari e con appositi strumenti e prodotti, per non rovinare il piano in vetro e mantenerlo sempre bello e splendente.

Si premette che il vetro temperato è un tipo di vetro sottoposto ad un ciclo di riscaldamento alla temperatura di circa 700°C e successivamente ad un brusco raffreddamento attraverso getti di aria fredda.

Per quel che riguarda la cura “quotidiana” del tavolo in vetro temperato, per una pulizia normale ed ordinaria, bisognerà effettuare un intervento ogni 7-10 giorni.

Prima si dovrà eliminare la polvere, poi bisognerà scegliere uno straccio adatto e un prodotto per la pulizia del vetro e procedere effettuando dei movimenti circolari ed insistendo in particolare sulle macchie: l’abilità sarà quella di evitare di lasciare antiestetici aloni. 

Se fosse necessario eliminare delle macchie ostinate dal piano del tavolo in vetro temperato, oppure macchie secche, si potrà provare ad ammorbidire la parte interessata con un po’ di acqua. Successivamente si potrà passare un prodotto antimacchia specifico con un panno adatto, sempre inumidito. In questi casi, però, meglio evitare di lasciar seccare le macchie, eliminandole nel più breve tempo possibile appena si formano (se cade una salsa, un condimento o una bevanda).  

 Come pulire un tavolo in marmo: idee

 Come pulire un tavolo in marmo: idee

Per far fronte alla pulizia quotidiana del marmo, basterà utilizzare acqua calda a cui potrà essere aggiunto un po’ di sapone neutro o sapone di Marsiglia. Con l’aiuto di un panno morbido di lana, sarà poi possibile sciacquare con cura e successivamente bisognerà ricordarsi di asciugare sempre bene, magari con un panno di camoscio così che il marmo resti lucido.

Detergente naturale “fai da te”

Per mantenere il piano del tavolo in marmo pulito e luminoso, si potrà creare un detersivo “fai da te”. Per realizzarlo, occorreranno: 3 cucchiai di bicarbonato, 10 cucchiai di alcool e un piccolo pezzo di sapone di Marsiglia. Questa miscela è l’ideale per pulire pavimenti e piani in marmo (come quello di un tavolo), il bicarbonato, inoltre, aiuta ad eliminare anche le macchie di calcare. Per una pulizia più profonda si potrà usare un composto leggermente abrasivo a base di cera o di bicarbonato.

Per un tavolo in marmo vecchio o ingiallito, sono raccomandati due diversi metodi:

1- utilizzare la pietra pomice, ideale anche per eliminare sporco e grasso. Dopo bisognerà lavare con acqua e sapone di Marsiglia.

2- Si potrà poi anche utilizzare questo composto: un bicchiere d’acqua, un bicchiere di succo di limone, un cucchiaio di bicarbonato. Questa miscela andrà applicata sul marmo e si dovrà strofinare con una spazzola a setole rigide (ma non di ferro) e sciacquare poi con cura. 

Contro le macchie

Un metodo diffuso per togliere le macchie dal marmo è quello di utilizzare del comune gesso (o bianco di Spagna) bagnato con acqua. Il composto dovrà essere abbastanza liquido e andrà steso sulla superficie da trattare. Sarà necessario lasciate in posa mezz’ora, successivamente bisognerà spolverare il gesso e poi lavare con sapone di Marsiglia. Come ultimi ritocchi, basterà risciacquare e asciugare con un panno morbido e il marmo tornerà finalmente a splendere. Se la macchia dovesse persistere perché causata da componenti acidi come per esempio la pipì di animali domestici, si potrà procedere in questo modo:

Tra le macchie con elementi acidi dannosi per il marmo vi sono: succo di limone, aceto, succo di frutta, anticalcare, pomodoro, pipì o detersivi aggressivi… tutti elementi che se rimangono a lungo sulla superficie del tavolo in marmo possono corroderlo e rovinandolo, lasciandolo macchiato o ruvido.

Per eliminare queste macchie acide occorreranno:

-Saponetta vegetale;

-Bicarbonato

Bisognerà procedere in questo modo: lavare bene la zona preparando una miscela con saponetta vegetale e bicarbonato. In alternativa, si potranno utilizzare tre parti di bicarbonato e una di acqua. Questo composto detergente andrà applicato direttamente sulla superficie e poi si dovrà risciacquare bene.

L’operazione sopra descritta non risolverà il problema della macchia acida ma fermerà la corrosione e  permetterà di limitare i danni.

Come pulire un tavolo di cristallo in maniera impeccabile

Come pulire un tavolo di cristallo in maniera impeccabile

Un paio di volte all’anno si può effettuare una pulizia e un’ igienizzazione più approfondita del tavolo di cristallo: per la manutenzione straordinaria, dopo aver eliminato la polvere ed eventuali macchie, bisognerà passare dell’ammoniaca e lasciare asciugare. Il risultato sarà sorprendente.

Un’altra ottima soluzione è rappresentata dalla pulizia a vapore: alcuni sistemi domestici prevedono un’apposita bocchetta per la pulizia del vetro, con ottimi risultati in poco tempo e l’eliminazione completa e profonda di ogni traccia di sporco.

Detergenti green

E’ importante scegliere il giusto detergente per la pulizia del tavolo in vetro: da evitare sempre gli sgrassatori, di qualsiasi tipo, esistono infatti alternative “casalinghe” molto efficaci ed economiche. Per esempio, il succo di limone applicato con l’aiuto di un foglio di un quotidiano può essere un’arma efficace per rimuovere le macchie più ostinate. In alternativa, si può utilizzare una soluzione di acqua e alcool o di acqua e aceto per far brillare il tavolo in cristalli 

Niente aloni: come fare

Durante la pulizia del piano in cristallo, si possono involontariamente creare degli aloni, di cui magari non ci si accorge subito, ma che rovinano completamente il risultato finale.

Il primo trucco è quello di evitare di pulire il tavolo quando è esposto alla luce del sole: meglio sempre aspettare una giornata nuvolosa, oppure chiudere gli scuri o abbassare le tapparelle. 

Il secondo consiglio è quello di utilizzare sempre il prodotto giusto: nel caso fosse necessario eliminare delle macchie di unto o di cibo, la soluzione può essere quella di del detersivo da piatti, da usare in piccola quantità e con acqua tiepida, in modo da “sgrassare” la macchia.

Protezione da macchie e graffi

Utilizzare sempre prodotti delicati per la pulizia e panni morbidi, come la microfibra. 

Bisognerà poi stare attenti all’utilizzo di oggetti appuntiti e taglienti come penne, braccialetti e anelli, perché una riga su un tavolo di vetro può non essere recuperabile. Si può valutare anche il caso di proteggere il tavolo con un panno in plastica da inserire sotto la tovaglia se lo si utilizza come tavolo da pranzo.

Nel periodo in cui il tavolo rimane inutilizzato, si potranno scegliere delle decorazioni come delle piccole tovagliette, che hanno la duplice funzione di proteggere il piano in cristallo da graffi e danni accidentali e di completarlo, rendendolo un oggetto di arredamento elegante.

Come pulire un tavolo in ferro, alcuni metodi

Il tavolo in ferro, coordinato con le sedie, sono tipici elementi di arredo da esterni, soprattutto da giardino. Vediamo di seguito quali sono i metodi più efficaci di pulizia di un tavolo in ferro.

I mobili in ferro da giardino che spesso tendono a macchiarsi e arrugginirsi. Per eliminare macchie e ruggine, si potrà far ricorso ad un infallibile rimedio naturale, semplice e molto pratico. 

Rimedio naturale per pulire i mobili in ferro

Il rimedio consiste nel preparare una pasta composta da cipolla e bicarbonato. Basterà affettare una cipolla e aggiungere un cucchiaio di bicarbonato, poi chiudere il tutto in una velina da confetti. Questo composto, andrà quindi strofinato direttamente sui mobili in ferro. Alla fine, si potrà sciacquare con acqua abbondante, lasciando asciugare. La ruggine e le macchie andranno via e non torneranno più. 

Consigli casalinghi

In alternativa, è possibile pulire i mobili in ferro con un rimedio casalingo che prevede l’utilizzo di sapone di Marsiglia. Bisognerà utilizzare un panno di microfibra umido e versare sopra un poco di detergente di Marsiglia. Poi, strofinare i mobili in ferro, infine, per asciugare, si potrà passare una pelle di daino.

Se sulla superficie del tavolo in ferro vi sono delle macchie, dopo aver pulito la superficie macchiata, si potrà passare un panno di microfibra imbevuto di vaselina. Si dovrà poi lasciar asciugare.

Per togliere i depositi di calcare sul ferro, è consigliabile pulire la superfici con una soluzione in parti uguali di acqua tiepida e aceto bianco.

I rimedi sopra elencati, consentiranno di ridare vita ai mobili da giardino e sarà buona abitudine pulirli anche dopo la stagione estiva, prima di riporli in garage o in soffitta. Quest’ultimo accorgimento permetterà di conservare i mobili puliti evitando che si formino macchie e ruggine. 

Dopo i consigli di cui sopra, per i consigli sull’arredamento si può consultare lo store online Deardesign.it. Bisogna ricordarsi poi, che ad ogni tavolo va abbinata la sedia giusta. 

Author

Write A Comment