tappeto moderno

Indice

Una delle principali preoccupazioni riguardanti le pulizie domestiche è quella di sapere come pulire i tappeti e affligge tutti coloro che ne posseggono almeno uno in casa. Il tappeto è un elemento d’arredo in grado di dare un tocco di eleganza ai locali in cui viene collocato, grazie a fantasie e a colori che personalizzano l’ambiente in base ai gusti dei padroni di casa. Che siano antichi, persiani, moderni o realizzati con particolari materiali, il dubbio su come pulire i tappeti in casa rimane, occorre perciò trovare una soluzione efficace per la loro cura e pulizia, che ne rispetti la fattura e non li danneggi.

Come pulire i tappeti persiani: principali soluzioni 

Come pulire i tappeti persiani

I consigli che seguono saranno utilissimi se si vuol scoprire come pulire il tappeto persiano. La prima sostanza che viene i  mente e che va bene per tutti i tappeti, anche per i persiani, è il bicarbonato: ma come pulire il tappeto con bicarbonato? Si tratta di una procedura semplice: bisognerà ricoprire tutta la superficie del tappeto persiano con il bicarbonato, facendo attenzione a non lasciare scoperto nemmeno un angolo o un pezzettino. Poi bisognerà prendere una spazzola con le setole morbide e strofinare il bicarbonato con delicatezza, così da farlo penetrare nelle fibre. Sarà meglio lasciarlo in posa per mezza giornata o una intera nottata. Trascorso il tempo di posa, si potrà passare l’aspirapolvere che porterà via il bicarbonato insieme alla polvere che la sostanza chimica avrà incorporato e che era depositata sul tappeto. A fine trattamento, il tappeto persiano avrà ritrovato il suo originario splendore, con tutti i suoi vivaci colori.

Un’altra soluzione che può sembrare un po’ azzardata, è la pulizia dei tappeti persiani con ammoniaca, eppure  è possibile. Se si deve imparare come pulire i tappeti, è bene precisare che se si tratta di tappeti preziosi, come quelli persiani, è meglio diluire l’ammoniaca con dell’acqua: per esempio si può diluire un cucchiaio di questa sostanza in tre litri di acqua e poi inumidire un panno con cui si potrà strofinare delicatamente il tappeto, precedentemente sbattuto e liberato dalla polvere.  E’ importate ricordare che l’ammoniaca non va mai versata direttamente sul tappeto persiano e che dopo il trattamento appena sopra descritto, si deve lasciare asciugare il tappeto all’aria ma non a contatto diretto con i raggi solari.

Se in casa ci sono persone che soffrono di allergie, sarà di fondamentale importanza disinfettare il tappeto persiano per eliminare i germi e i batteri che si nascondono fra le sue fibre. Tra l’altro, se si effettua la pulizia con il bicarbonato, per ottenere un’azione igienizzante e disinfettante, basterà abbinare l’aceto al bicarbonato e preparare così il classico shampoo per tappeti persiani. Si dovranno sciogliere tre cucchiai di bicarbonato per ogni due bicchieri di aceto bianco e poi si potrà vaporizzare questa soluzione disinfettante spray sul tappeto persiano. Ovviamente sarà meglio aver eliminato prima il grosso dello sporco con l’aspirapolvere. Con una spazzola a setole morbide si potrà passare delicatamente la soluzione, così da coprire bene tutta la superficie. Sul tappeto, una volta asciutto, si potrà ripassare l’aspirapolvere. Infine, per rimuovere le macchie fresche, è indicato applicare nel lavaggio del tappeto persiano una miscela a base di bicarbonato e amido di mais, che servirà per assorbire lo sporco al meglio.

Come pulire i tappeti a secco: metodo

Come pulire i tappeti a secco: metodo

Ecco alcuni suggerimenti per sapere come pulire i tappeti senza rovinarli, soprattutto con il metodo a secco. 

Pulire un tappeto in casa a secco è la soluzione ottimale per eliminare i costi di lavanderia e al tempo stesso non rovinare i colori e i materiali del tappeto. La prima cosa da sapere su come pulire il tappeto a secco è che si può utilizzare il bicarbonato, ma non solo. Esistono infatti appositi detergenti che vanno applicati sulla superficie e lasciati agire per il tempo necessario, quindi rimossi secondo le istruzioni riportate sulla confezione. Il lavaggio a secco dei tappeti si deve effettuare dopo aver passato l’aspirapolvere che avrà eliminato le parti più grossolane dello sporco, come polvere e briciole. Per la pulitura a secco dei tappeti in casa è possibile utilizzare anche una miscela “casalinga” di aceto bianco e sale grosso, che non richiederà risciacquo o lavaggio ad immersione: basterà applicare la soluzione con una spazzola a setole morbide e aspettare che asciughi, poi sbattere il tappeto. 

Suggerimenti su come pulire i tappeti con il bicarbonato

Si vogliono delle “dritte” specifiche su come pulire i tappeti con bicarbonato? Per ottenere buoni risultati, senza dover ricorrere a prodotti troppo aggressivi, esistono alcuni accorgimenti semplici ed efficaci. E’ noto, infatti,  che i tappeti fungono da filtri per la polvere, immagazzinandola al loro interno, quindi il lavaggio dei tappeti deve essere eseguito con precisione, attenzione e con i giusti strumenti. Gli strumenti necessari per la pulizia dei tappeti in casa sono pochi ma semplici da reperire: una spazzola a setole morbide, un secchio, dell’acqua, del bicarbonato o dell’aceto di vino bianco. Lavare un tappeto con il bicarbonato assicura una funzione disinfettate e anti acari (fastidiosi parassiti della polvere). Il lavaggio con il bicarbonato può essere fatto a secco, lasciandolo agire sulla superficie per 8 ore prima di rimuoverlo con l’aspirapolvere. Nel caso in cui si utilizzi una miscela con acqua, è necessario strofinare il tappeto con una spazzola e attendere qualche ora prima del risciacquo. Stesso discorso per quanto riguarda l’impiego dell’aceto, che per una’zione disinfettante può essere mischiato al bicarbonato.

Tecniche utili per sapere come pulire i tappeti moderni 

come pulire i tappeti moderni 

Non si può dire davvero di saper pulire i tappeti se non si sa come pulire il tappeto moderno presente ormai nella maggior parte delle abitazioni.

Per la pulizia quotidiana dei tappeti moderni, per lo più in poliestere, andrà bene un battitappeto con spazzole prive di rullo, usato a bassa potenza. L’ideale per una pulizia a fondo sarà comunque il lavaggio, che potrà essere effettuato presso centri specializzati o semplicemente con dell’acqua, sempre senza spazzolare o centrifugare. Per ogni tipo di macchia sul tappeto di poliestere, basterà tamponare con un panno pulito senza strofinare.

Se invece il tappeto moderno è in feltro, si potrà pulire con un battitappeto ed una aspirapolvere priva di spazzole, mentre il lavaggio dovrà essere affidato a centri specializzati. Nel caso di piccole macchie, si potrà strofinare sulla parte interessata una spugnetta imbevuta di acqua e sapone neutro delicato, per macchie grasse si potranno usare solventi come la trielina.

Come pulire i tappeti a pelo lungo: strategie efficaci

Come pulire i tappeti a pelo lungo

Per pulire i tappeti a pelo lungo lavandoli, basterà riempire un secchio d’acqua con una piccola quantità d’ammoniaca e del sapone delicato, poi immergervi una ramazza. Il secondo passo sarà quello di passare questo strumento sul tappeto in direzione del pelo e poi in contropelo, poi ancora nel verso del pelo, e infine sciacquare e far asciugare. In caso di macchie ostinate e più evidenti, basterà lasciare in ammollo il tappeto a pelo lungo nello stesso mix di acqua, aceto ed ammoniaca: dopo qualche ora lo si potrà sciacquare e far asciugare all’aria aperta. Per pulire il tappeto a pelo lungo a secco, bisognerà passare la ramazza o l’aspirapolvere per eliminare il grosso dello sporco, poi si potrà distribuire sulla sua superficie una quantità di bicarbonato lasciando agire per qualche ora. Alla fine del tempo di posa, si potrà rimuovere il bicarbonato con una aspirapolvere. Il tappeto andrà poi steso all’aria aperta per eliminare eventuali residui.

Come pulire i tappeti di lana: consigli pratici

Come pulire i tappeti di lana

I tappeti di lana sono in fibra naturale, per questo motivo è consigliabile effettuare uno shampoo nel periodo primaverile. Per farlo nel modo corretto è possibile creare una miscela a base di bicarbonato, sapone in scaglie e oli essenziali per profumare, da applicare direttamente sul tappeto. Per stendere questa soluzione su tutta la superficie, si potrà utilizzare un panno inumidito in acqua e aceto e far agire per un’ora. A conclusione di questo trattamento, basterà solamente passare l’aspirapolvere come in una normale pulizia quotidiana. È possibile anche lavare i tappeti in lavatrice in casa, qualora le dimensioni lo consentano. Il trucco sta nell’utilizzare saponi delicati da mischiare all’immancabile bicarbonato, per garantire una pulizia ottimale. Per igienizzare a fondo si potrà aggiungere dell’aceto al posto del sapone ammorbidente.

Come pulire il tappeto dalla pipì: rimedi a questo inconveniente

Se il proprietario di casa ha un animale domestico (cane o gatto) potrebbe capitargli di pulire le macchie di urina lasciate da quest’ultimo sul tappeto. Ecco come rimediare a questo sgradevole inconveniente.
Per prima cosa si potrà assorbire l’eccesso di umidità usando uno straccio di cotone, poi si potrà passare sulla zona macchiata una spugna intrisa di acqua pulita tiepida. L’operazione andrà ripetuta più volte.
Il secondo passo sarà quello di preparare una soluzione sciogliendo due cucchiai di aceto bianco in 1/2 litro d’acqua tiepida e pulendo la zona sporca. Dopo qualche minuto si potrà sciacquate la superficie del tappeto con una spugna bagnata. Se necessario si potrà ripetere l’operazione.
Da ultimo, sarà necessario procedere sempre ad una asciugatura veloce, tamponando la zona con uno straccio di cotone o usando un asciugacapelli tenuto a temperatura minima.

Author

Write A Comment