Come organizzare l’armadio

Indice

Organizzare e sistemare gli armadi o i guardaroba in casa è un compito essenziale per mettere ordine ma anche per recuperare la giusta funzionalità dell’armadio stesso, suddividendo i capi per stagione o per tipo di indumenti da sistemare (giacche, cappotti, soprabiti, piumini e poi pantaloni, gonne, jeans, maglioni etc…). Se infatti si assegna il giusto posto ad ogni abito e accessorio, sarà più semplice trovarli al momento in cui si dovranno indossare e anche lo spazio all’interno dell’armadio o del guardaroba risulterà maggiormente razionalizzato e sfruttato. Occhio dunque al tipo di armadio che bisogna riordinare e allo spazio interno disponibile. Seguendo i consigli esposti in questo articolo su come organizzare un armadio, questa incombenza diventerà un gioco da ragazzi. Nei paragrafi che seguiranno, quindi, c’è tutto quello che bisogna sapere su come organizzare l’armadio.

Come sistemare i jeans nell’armadio tenendoli a portata di mano

Quando si parla di come sistemare l’armadio, vengono in mente i vari indumenti in esso contenuti. Per quanto riguarda i jeans e per sapere come posizionarli per avere un armadio a posto, basterà tenere presente che se si ha molto spazio è possibile provare ad appenderli in modo da visualizzarli facilmente per tipo, colore e modello. In alternativa, i jeans potranno essere anche piegati e conservati in un cassetto o in un contenitore trasparente indispensabile per risparmiare spazio e per riuscire a sistemare meglio anche tutti gli altri vestiti.

Altre tipologie di pantaloni come quelli da lavoro, potranno essere sempre appesi alle grucce.

Se non si dispone di spazio sufficiente nel guardaroba, è possibile sistemare l’interno dell’armadio installando o appendendo un’altra barra nello spazio dell’appendiabiti.

Come sistemare l’interno dell’armadio ottimizzando gli spazi

Di seguito, ecco alcuni consigli ed idee utili su come riordinare l’armadio in modo funzionale e sfruttando al meglio gli spazi al suo interno. Per sistemare adeguatamente vestiti e accessori all’interno dell’armadio, a prescindere dalle sue dimensioni, bisognerà decidere e capire come suddividere gli spazi, che andranno organizzati seguendo questi criteri:

  • stagione: sarà necessario scegliere ed appendere a vista gli abiti che si indossano di più nella stagione in corso, riservando loro la parte più accessibile dell’armadio.
  • In quest’ottica, sarà meglio ripiegare gli indumenti per la stagione successiva in scatole di plastica da riporre nella parte più alta dell’armadio.
  • Gli abiti più eleganti o dai tessuti più delicati e che si sgualciscono facilmente, così come i cappotti e le giacche andranno appesi con dei copri abiti per evitare che prendano polvere. Si potranno invece utilizzare gli appositi sacchetti di plastica per riporre maglie e maglioni;
  • Per un ordine impeccabile, sarà bene suddividere i vestiti per tipologia: lavoro, tempo libero, sport. In questo modo sarà più semplice individuare ciò che serve per una specifica occasione o attività da svolgere, senza inutili perdite di tempo.
  • Sarà utile anche munirsi di scatole di cartone di varie dimensioni da sistemare nello spazio sotto l’appendiabiti, qualora l’armadio non sia dotato di cassetti. Le scatole serviranno infatti per riporre accessori, cappelli, biancheria intima, collant, bigiotteria.

Sostanzialmente per sfruttare in maniera razionale lo spazio interno di un armadio, esistono numerose proposte in commercio: dalle stampelle per i pantaloni, alle grucce forate per gli outfit, che sfruttano lo spazio verticale. I pigiami e la biancheria intima potranno invece essere ripiegati e riposti negli appositi cassetti che, soprattutto nel guardaroba, si trovano sotto allo spazio riservato alle aste con gli appendiabiti, mentre negli spazi e negli scoparti  in alto dell’armadio, si potranno sistemare coperte e piumoni. 

Come sistemare i maglioni nell’armadio: possibilità

Bisogna impegnarsi per sapere come ordinare un armadio, perché c’è da dire che dentro un armadio può esserci davvero molta confusione se ci sono indumenti che non si è mai avuto il tempo di mettere a posto. Per risparmiare tempo e fatica, si possono adottare due strategie: la prima strategia prevede la suddivisione dei capi di abbigliamento in base alla categoria; quindi si potranno dividere le gonne dai pantaloni e le camicie dalle t-shirt. Ogni vestito invece avrà un appendiabiti apposito: sarà meglio evitare di utilizzare una sola stampella per appendere più di un capo.

La seconda strategia per non perdere tempo è invece più pratica: esistono infatti degli appendiabiti che permettono di organizzare su un’unica gruccia tutto l’outfit: dal blazer, alla blusa, fino alla gonna o al pantalone. Chi decide di adottare questa soluzione, avrà a portata di mano dei completi già pronti per essere indossati, basti pensare che ogni appendiabito per outfit può contenere fino a 6 grucce.

Ecco invece come sistemare i maglioni nell’armadio: il modo migliore per riporre questi capi è quello di piegarli accuratamente e disporli in una pila sullo scaffale sopra il porta abiti affinché siano a portata di mano. In alternativa si potranno tenere piegati in contenitori di plastica.

Anche i cassetti dell’armadio sono un buon luogo per conservare i maglioni, soprattutto quelli di lana e invernali: all’interno del cassetto questi capi si potranno posizionare uno accanto all’altro.

Come sistemare le lenzuola nell’armadio e altra biancheria

Come ordinare l’armadio anche per quanto riguarda la biancheria da letto e personale? Ecco i principali consigli. Qualora si abbia la fortuna di avere un guardaroba (ovvero un grande armadio con diverse ante battenti o scorrevoli) si disporrà anche di una ampia e comoda cassettiera sotto lo spazio riservato agli appendiabiti, in questo caso, bisognerà organizzare armadio e cassetti. Esistono in ogni caso dei metodi dipiegatura degli indumenti che eviteranno il caos, soluzioni per razionalizzare lo spazio che diventeranno irrinunciabili.

Nella sistemazione dei cassetti si potrà partire dalla biancheria intima e dalle calze: non importa che siano lunghe o corte, basterà arrotolarle insieme e creare rotolini, che potranno poi essere inseriti negli appositi scomparti per cassetti. Si potrà anche decidere di suddividerli in base alla tipologia o al colore.

Discorso analogo si può fare anche per la biancheria intima, che andrà riposta negli appositi contenitori divisori per essere subito individuata in base a tipo e al colore.

Per le t-shirt e i pigiami invece, si dovrà evitare di ripiegarli in una pila, poiché ogni volta che si andrà a prendere quel che serve, si creerà disordine. Per questi indumenti, sarà meglio sfruttare la verticalità del cassetto: è consigliabile cioè ripiegare gli indumenti e posizionarli in verticale.

Da ultimo bisognerà studiare anche come sistemare le lenzuola nell’armadio, ma anche le coperte, le federe, i piumini ovvero la biancheria per la casa: elementi piuttosto ingombranti e voluminosi. Se si ha un armadio grande o un guardaroba, si potranno creare al suo interno dei settori appositi per la biancheria della casa, utilizzando i comodi divisori di spazio reperibili in commercio.

Nel caso in cui, invece, lo spazio a disposizione fosse poco, le lenzuola, le coperte per la stagione fredda e i piumini, si potranno ripiegare e sistemare in comodi sacchi sottovuoto.

Organizzare armadio: dove mettere le borse nell’armadio

Gli scaffali dell’armadio possono essere organizzati in modo piuttosto semplice. Le borse più usate possono essere ordinate secondo la stagione in un apposito scaffale, in un altro si possono sistemare le pochette e le clutch da sera e in un altro ancora le borse da giorno per il tempo libero, per il weekend e per lo sport.

Per disporre al meglio le borse si potranno utilizzare degli organizer o si potrà ricorrere alla tecnica della matrioska che consente di inserire una borsa dentro l’altra: l’ottimale è che ognuna di esse abbia il proprio spazio e quelle in pelle dovranno essere conservate negli appositi sacchettini protettivi.

Le scatole rendono il guardaroba molto più ordinato, soprattutto se si ha una cabina armadio o un guardaroba a vista. Per conservare le borse nell’armadio, ogni box potrà essere identificato con una etichetta che indichi i modelli ivi contenuti. Si consigliano scatole ampie per contenere più tipi di borse.

Se lo spazio nell’armadio è limitato, è bene sapere che esistono in commercio diversi strumenti che consentono di appendere più borse dietro l’anta dell’armadio, dietro una porta o in alternativa dentro l’armadio. Si tratta di comode soluzioni salvaspazio. 

Sistemare armadio: come organizzare l’armadio dei bambini

I bambini si sa, crescono in fretta. La prima cosa da fare, quindi, quando si pensa di riordinare l’armadio dei più piccoli di casa, è quella di svuotare completamente scaffali, cassetti e spazi interni dell’armadio stesso e fare “pulizia”, ovvero far indossare gli indumenti ai bambini e quelli che non vanno più bene perché troppo stretti o rovinati andranno scartati.

Una volta fatta la pulizia generale, si dovranno organizzare gli spazi, suddividendoli per stagione, tipologia di abbigliamento, destinazione e frequenza d’uso. Sarà meglio dividere i capi per la scuola da quelli più nuovi e sfiziosi per il tempo libero e magari anche da quelli per le attività sportive. A tal proposito, si potrebbero fare delle pile di abiti per categoria disponendole sul letto per avere tutto sott’occhio. Se l’armadio dei bambini non è molto grande, si potranno utilizzare delle scatole, vanno bene anche quelle di cartone, per riporre magari i capi più voluminosi e fuori stagione che nell’armadio non entrerebbero, scatole che andranno poi sistemate da un’altra parte. Le scatole devono essere capienti e dovranno andar bene per riporre sia i capi “pieno inverno” (maglioni, felpe, sciarpe, cappelli di lana) che quelli “piena estate” (abitini, indumenti leggeri, t-shirt, costumi da mare etc…).

Nella sezione centrale riservata alle barre con gli appendiabiti, andranno appesi con le grucce giacconi pesanti e cappotti invernali, mentre nello spazio sottostante le maglie piegate e nella cassettiera tutti i capi più leggeri e la biancheria intima.

Come organizzare l’armadio di un neonato in modo semplice

Come organizzare l’armadio di un neonato

Al contrario di quello che si potrebbe pensare, l’armadio di un neonato deve essere capiente e avere delle luci interne poichè gli indumenti sono davvero molto piccoli e non si trovano facilmente al buio. Per organizzare al meglio il vestiario, occorrerà anche qui munirsi di box ed etichette. Quando si compra un armadio per neonato poi, oltre all’aspetto estetico, bisognerà fare attenzione alla capienza interna e al riparto in numerose cassettiere e in svariati scomparti, poichè i neonati, si sa, hanno bisogno di diversi cambi giornalieri e quindi bisognerà tenere tutto a portata di mano. In ogni caso, un cambio completo di camicine, tutine, calzine e mutandine andrà tenuto a portata di mano sul fasciatoio. Bisognerà poi selezionare i capi principali e disporli nel cassetto più alla portata della mamma, oppure nel ripiano più facilmente accessibile e sistemare nei box porta oggetti i vari accessori come spillette per il ciuccetto, cappellini, guanti e fasce per capelli per le femminucce.

I capi più grandi andranno disposti separatamente e distinti da quelli più piccoli, poi si potrà fare il riparto degli indumenti a seconda della stagione come per gli adulti. Per i cambi stagionali si potranno utilizzare delle scatole con oblò trasparenti dai quali saranno visibili gli indumenti contenuti. Nell’armadio di un neonato i vari capi andranno poi tenuti in ordine di vestizione: a portata di mano gli indumenti intimi e le camicine, poi il vestiario come tutine, magliettine e giubbottini.

Come organizzare l’armadio piccolo e sfruttare al meglio gli spazi

Come organizzare l’armadio piccolo

L’armadio piccolo è difficile da organizzare perché lo spazio è limitato: è bene quindi approfittare al massimo dell’altezza e della profondità. In un armadio piccolo si dovranno utilizzare  gli accessori giusti come grucce leggere e che occupano poco spazio (per esempio quelle metalliche rivestite in velluto)  e le appendere (ovvero sacche di tessuto con aste metalliche agganciate agli scaffali dell’armadio che possono contenere di tutto). Nel  caso di armadio a muro, ovvero ricavato da una nicchia della parete, si potranno utilizzare al suo interno delle strutture metalliche interne come aste appendiabiti e scaffali con vari scomparti per riporre maglie, borse e accessori, in questo caso sono raccomandate ante a chiusura scorrevole. 

Trucchi su come organizzare l’armadio invernale

C’è chi a casa ha la fortuna di avere più di un armadio: l’armadio invernale per l’esattezza è quello deputato alla conservazione degli abiti e degli indumenti tipici della stagione fredda, compresi piumini, giacconi, cappotti, maglie e altri capi pesanti, nonchè trapunte e biancheria pesante da letto.

La prima cosa da fare è il cambio di stagione: ovvero con l’avvento della primavera, bisogna eliminare dal proprio armadio tutti capi fuori stagione, quelli ormai stretti o vecchi si potranno mettere in delle sacche per essere eliminati, quelli ancora portabili potranno essere riposti in scatole e posizionali sugli scaffali dell’armadio invernale. Sull’asta appendiabiti di quest’ultimo potranno invece essere posizionate le grucce con cappotti, giacconi, piumini, cardigan, giacche in lana, tailleur o completi da uomo invernali, mentre nella parte superiore dell’armadio troveranno posto i piumoni da letto accuratamente ripiegati e riposti nelle loro custodie. 

Per scegliere i giusti componenti d’arredo e gli armadi più confacenti alle proprie esigenze, è utile dare uno sguardo all’assortito catalogo del sito di arredamento Deardesign.it 

Author

Write A Comment