Come collegare due lampade a sospensione: tecniche

Le lampade a sospensione sono luci da soffitto o da parete, usate sia per l’illuminazione di tipo generale di un ambiente che per una illuminazione più puntuale e di dettaglio (come per esempio l’illuminazione di alcuni punti, mobili o accessori della casa). Di seguito si spiegherà come collegare due lampade a sospensione, in modo semplice, pratico e sicuro.

Che cosa sono le lampade a sospensione

Le lampade a sospensione sono luci appese al soffitto e sono utilizzate come fonte di illuminazione secondaria, a differenza dei lampadari, anch’essi appesi al soffitto ma fonte di illuminazione principale, ovvero generale e con uno scopo anche decorativo (per via della forma e della grandezza della plafoniera).  Oggi di solito le lampade a sospensione vengono accostate ed utilizzate simultaneamente a lampade da terra. Inoltre, quelle più diffuse sono riconoscibili dai paralumi di design o in tessuto. Solo le nuove versioni di lampade, soprattutto se vintage, hanno la lampadina più grande che non ha bisogno di un rivestimento.

Non esiste una regola per l’illuminazione adatta ad ogni tipo di stanza. La cosa principale di cui tenere conto sono i propri gusti, senza però dimenticarsi dell’arredamento. In genere i lampadari, grazie alla loro imponenza, sono preferibili per le stanze un po’ più importanti come salotti o sale da pranzo e camere da letto, mentre le lampade vengono spesso posizionate in cucina, living e angolo studio. 

Le possibilità per illuminare una stanza sono molteplici e raramente prevedono l’utilizzo di un’unica fonte di luce, bensì la combinazione di diverse sorgenti luminose, in una logica di “stratificazione” e complementarietà. Potrebbe essere anche necessario un progetto illuminotecnico che coordini omogeneamente la luce emanata contemporaneamente da lampade da soffitto e da terra, lampadari, faretti, o altri punti luci. Su Deardesign.it vi è un vasto assortimento di lampade a sospensione

Di seguito ci si occuperà del collegamento di due lampade a sospensione. 

Come collegare due lampade a sospensione: istruzioni 

Di seguito ci si occuperà di descrivere il metodo e la tecnica per poter collegare fra loro due lampade a sospensione o due lampadari: operazione che dovrebbe essere indicata e riservata ad esperti del settore e quindi ad elettricisti. In ogni caso, però, se si è dotati di una certa manualità e di nozioni base in materia di cavi elettrici e luci, si potrà provare ad effettuarla da soli, seguendo alcuni semplici passaggi. Collegare lampade non è mai stato così semplice. 

Prima di iniziare questa operazione che riguarda comunque l’impianto elettrico di casa, bisogna staccare l’interruttore generale della corrente, in modo da poter evitare scosse elettriche ad alta tensione. Per svolgere tutti i passaggi in completa sicurezza, sarà poi necessaria anche la presenza della valvola salvavita.
A seconda delle tecniche spiegate di seguito, potrà servire una scala o un trapano. Nel caso in cui non si sia pratici nell’uso del trapano, è consigliabile farsi aiutare da una persona un po’ più esperta. Online esistono comunque dei video tutorial che spiegano lo sdoppiamento dei fili delle lampade a sospensione (per poterle collegare).

È importante anche indossare degli occhiali protettivi durante lo svolgimento del lavoro. Se il progetto richiede di forare a partire dal basso per arrivare verso l’alto, questa procedura potrebbe far scendere dei detriti di intonaco sulla faccia e sugli occhi, quindi è meglio agire d’anticipo proteggendo queste parti.
A questo punto si possono scegliere due strade di manovra, a seconda delle soluzioni che si vorranno ottenere. Se si ha necessità di collegare due lampadari in serie, ovvero comandati entrambi in contemporanea, basterà prolungare i fili elettrici che arrivano al morsetto del primo lampadario e prolungarli verso i morsetti del secondo lampadario. Si potranno collegare in questo modo anche i cavi per lampade a sospensione: bisognerà stare attenti al collegamento dei fili. I colori infatti si accoppiano e non si scambiano. Quindi: nero con nero, marrone/blu con marrone/blu, verde/giallo con verde/giallo.

Un altro metodo per raggiungere lo stesso risultato prevede l’installazione sul soffitto di una scatola a incasso. Col trapano si potrà fare un buco sul soffitto e poi montarci la scatola. Dentro alla scatola si potranno unire i fili del vecchio lampadario mediante l’apposito morsetto e ripetete l’operazione coi fili del nuovo lampadario. In questo modo si potrà raggiungere l’obbiettivo di sdoppiare il cavo del vostro lampadario per consentire l’installazione di un nuovo punto luce. Si potrà accendere di nuovo l’interruttore generale della corrente e successivamente verificate che dopo l’accensione dei lampadari non si verifichino dei corto circuiti.

Collegare lampade a sospensione: il procedimento passo per passo

Ma vediamo di seguito e più in dettaglio, la guida completa, passo per passo, del procedimento che prevede lo sdoppiamento e il collegamento dei fili di due lampade a sospensione. 

La guida che andremo a sviluppare sarà concentrata a spiegare come sdoppiare il filo per collegare due lampadari. Con un po’ di impegno, manualità e praticità sarà possibile compiere questa operazione anche da soli senza ricorrere ad un elettricista. Sdoppiare il filo collegato al lampadario di casa risulterà un’operazione abbastanza veloce e sicura.

Occorrente

  • Scala
  • Trapano
  • Scatola a incasso

Staccare l’interruttore generale

Prima di tutto, qualora si fosse alle prime armi per quanto riguarda questo tipo di riparazioni, bisognerà tenere ben in mente delle regole elementari per la propria sicurezza durante il lavoro. Si dovrà chiaramente staccare l’interruttore generale della corrente prima di iniziare, in modo da poter evitare delle scosse elettriche ad alta tensione. 
A seconda delle opzioni spiegate di seguito, potrete avere la necessità di utilizzare una scala ed un trapano. Se non doveste essere pratici dell’utilizzo del trapano, è consigliabile farvi aiutare da un conoscente un po’ più esperto. In ogni caso nella guida è presente un video che potrà aiutarvi in quest’ultima operazione.

Prolungare i fili elettrici

Qualora utilizzaste una scala pericolante, traballante e conseguentemente poco sicura nella sua funzione, chiedete a qualcuno di sostenerla durante la vostra lavorazione con il trapano, in modo da risolvere alla base questa problematica. Bisognerà poi sempre indossare degli occhiali protettivi. Se il progetto richiede di forare a partire dal basso per arrivare verso l’alto, questa procedura potrebbe portare dei detriti nelle vicinanze degli occhi, quindi è meglio agire d’anticipo proteggendoli.
A questo punto, si avranno due possibilità di manovra, a seconda delle soluzioni che si vorranno ottenere. Se si avrà la necessità di collegare due lampade in serie, ovvero comandate entrambi in contemporanea,  basterà prolungare i fili elettrici che arrivano al morsetto del primo lampadario e prolungarli verso i morsetti del secondo lampadario. Bisognerà stare attenti al collegamento dei fili. I colori si accoppiano e non si scambiano. Quindi: nero con nero, marrone/blu con marrone/blu, verde/giallo con verde/giallo.

Installare una scatola ad incasso

Un altro metodo per raggiungere lo stesso risultato prevede l’installazione sul soffitto di una scatola ad incasso. Basterà fare col trapano un buco sul soffitto e montarci la scatola. Dentro alla scatola si dovranno unire i fili del vecchio lampadario mediante l’apposito morsetto e ripetete l’operazione coi fili del nuovo lampadario. In questo modo si sarà raggiunto l’obbiettivo di sdoppiare il cavo delle lampade a sospensione per permettere l’installazione di un nuovo punto luce. Dopo di che si potrà accendere di nuovo l’interruttore generale della corrente e successivamente verificate che dopo l’accensione non si verifichino dei corto circuiti.

Non dimenticare mai:

Ricordarsi di disattivare la corrente dal quadro generale.

Author

Write A Comment