Come arredare il salotto: idee e ispirazioni

Indice

Come arredare il salotto: idee. Nell’arredamento di interni, il salotto ha una importanza fondamentale, vediamo di seguito alcune idee di stile e di funzionalità in più.

Come arredare un soggiorno: suggerimenti

Come arredare un soggiorno: suggerimenti

Il soggiorno è probabilmente l’ambiente più vissuto della casa, dove si accolgono gli ospiti, dove si guarda un film, dove ci si rilassa da soli o in compagnia.

Solitamente il soggiorno è l’ambiente centrale dell’abitazione, il più importante dal punto di vista degli spazi e della vita stessa dell’abitazione.

L’arredo di un soggiorno design delinea lo stile di un’abitazione ed è importante scegliere gli elementi giusti, collocati ed abbinati nel migliore dei modi, per ottenere un risultato armonico nell’ambiente che possa infondere ospitalità e comfort, oltre che essere elegante.

Arredare soggiorno: questa attività dipende molto dal gusto personale e dall’impronta di stile della casa. Può essere utile però seguire degli esempi sulla sistemazione dei complementi del soggiorno e sull’accostamento di stili e colori.

La prima cosa che bisogna considerare per la scelta del soggiorno è la grandezza dell’ambiente.

Lo spazio utile deve essere adeguato ad ospitare i generi di arredi e di mobili che si sono scelti. Idem per l’arredo, quindi prima di ogni acquisto è utile misurare l’ambiente e creare una piantina progettuale in scala per avere sott’occhio le dimensioni globali e quelle da poter destinare all’arredamento.

In considerazione dell’ambiente si possono scegliere le dimensioni di eventuali divani (a due, a tre posti o grandi e con penisola) e si può giocare anche sulle tende per aumentare gli spazi: se si dispone di ambienti non troppo alti, si può amplificare il senso di altezza percepito con tende che vanno dal soffitto fino al pavimento, a tutt’altezza. Si può inoltre osare alternando tende con vari stili e tendenze e mettendo in atto giochi di colore.

Anche i tappeti sono molto utili a delimitare gli spazi, creando una sorta di perimetro virtuale e possono essere utilizzati per delimitare in modo naturale gli spazi liberi dedicati al ricevimento e all’intrattenimento degli ospiti. Se il soggiorno è anche un’area di gioco per i bambini, meglio prediligere tappeti di grosse dimensioni che tornano anche utili per proteggere la pavimentazione, soprattutto quando si tratta di pavimenti delicati come quelli in parquet.

Se si vogliono aumentare gli spazi visivi, in alcune zone strategiche del salotto si possono aggiungere degli specchi che vanno ad ingrandire gli ambienti donando un maggiore senso di libertà.

E’ bene valutare anche la luminosità ed i colori delle pareti in modo da avere i giusti accostamenti cromatici tra i diversi elementi: divani, arredo, pavimenti, pareti.

Sicuramente il colore bianco o tendente al grigio è da considerarsi come un jolly: va bene in ogni situazione ed aumenta la spazialità. Torna molto utile quando si deve arredare un soggiorno piccolo che con l’utilizzo di colori scuri andrebbe non solo ad incupirsi, ma anche a rimpicciolirsi ulteriormente.

Inoltre, nell’ambito delle idee arredo, bisogna tenere presente anche della parete di accento. Si tratta della parete protagonista di un determinato ambiente, in questo caso, del soggiorno. Per crearla ci si può sbizzarrire con colori o effetti, la cosa importante è scegliere accuratamente su quale parete produrre l’intervento e stare attenti ad abbinare le tonalità di accostamento.

Come arredare un soggiorno moderno

Come arredare un soggiorno moderno

Abbiamo visto sopra che per arredare il soggiorno occorrono tanti accorgimenti come lo studio dell’ambiente e delle sue dimensioni, ma anche l’individuazione dello stile giusto è importate, soprattutto perché deve essere in armonia con l’arredamento del resto della casa.

Quando si entra in una casa, la prima stanza che si dovrebbe sempre incontrare è il soggiorno! Proprio per questo motivo il soggiorno deve essere curato in ogni suo particolare e fin nei minimi dettagli.

In particolare, l’aspetto del soggiorno determina il primo impatto con tutta la casa e ne delinea il suo carattere.

L’arredamento di un soggiorno moderno ha bisogno di molta luce naturale. Ebbene sì: l’ambiente individuato per il soggiorno deve essere molto luminoso in quanto, insieme alla cucina, costituisce lo spazio casalingo più vissuto.

Come esempio di arredamento soggiorno,  si raccomanda quindi di scegliere la stanza più luminosa, a patto però che questa non sia dalla parte opposta rispetto all’ingresso.

Se l’ambiente individuato per il soggiorno non risulta abbastanza illuminato da luce naturale diretta, si può  sfruttare la luce naturale che entra in un altro ambiente realizzando un elemento di separazione vetrato tra le stanze, sia esso un’intera parete o un semplice “taglio” (ricreando un effetto “finestra”), e per proteggere la privacy, sarà possibile avvalersi di un sistema di oscuramento.

Se invece si sta per arredare un soggiorno moderno in una mansarda o in un soppalco e in questi ambienti non c’è sufficiente luce naturale, si potrà aprire un abbaino o un lucernario sulla copertura (assicurarsi prima dei vincoli delle concessioni edilizie comunali). Se tuttavia non si può mettere in atto nessuna di queste soluzioni, basterà installare uno specchio in soggiorno in modo tale da sfruttare il suo potere riflettente che aumenta la luce nell’ambiente.

Per quanto riguarda le dimensioni del soggiorno, si ricorda che per legge, ogni alloggio deve essere dotato di un ambiente a soggiorno di almeno 14mq, ma è ovvio che si tratta di un ambiente ristrettissimo, quindi è sempre più grande. Una buona metratura per realizzare un soggiorno corrisponde a circa 25-30 mq.

Se si deve arredare un soggiorno piccolo, si potrebbe pensare di demolire la parete che divide il salotto dalla cucina realizzando un openspace cucia-soggiorno, preferendo magari una cucina bianca o dai colori chiari, meglio se senza pensili e penisola, per aumentare la percezione dello spazio a disposizione.

Per arredare efficacemente un soggiorno moderno, bisognerebbe avere a disposizione una bella stanza vuota, ampia e luminosa, pronta per essere arredata.

Dopo aver analizzato la disposizione delle aperture, valutato la luce naturale che entra e le dimensioni della stanza nel suo complesso, il primo passo da seguire per una corretta progettazione del soggiorno sarà quello di studiare attentamente la disposizione dell’arredo.

Questo passo è fondamentale in quanto solo un’analisi puntuale dell’ambiente e delle sue caratteristiche consentirà di trovare la giusta disposizione degli oggetti di arredamento nel soggiorno.

Sarà sempre meglio partire dalla scelta della parete su cui andranno posizionati gli arredi fissi come ad esempio la televisione e/o il camino (dettaglio di stile oltre che funzionale). Solitamente la parete più adatta ad accogliere gli arredi fissi è quella più ampia e senza aperture. A volte tuttavia, considerando tutti i diversi fattori in gioco, è possibile individuare come parete adatta agli arredi fissi quella più piccola e con delle aperture.

Per quanto riguarda la scelta della disposizione dei divani e del tavolo, una volta individuata la parete sulla quale disporre gli arredi fissi occorrerà poi determinare la corretta posizione degli arredi più ingombranti, ovvero divano e tavolo (se lo spazio lo consente ovviamente).

Il divano ad esempio, è  buona norma posizionarlo  di fronte alla parete individuata in precedenza dove sono installati gli arredi fissi quali la televisione e/o il camino. Ai lati del divano, se lo spazio è sufficiente, sarà possibile collocare un altro divano o alcune poltrone (magari due per lato).

Sarà più ordinato e chic posizionare tutti questi elementi su di un tappeto che fungerà quindi da piattaforma d’arredo, ovvero agirà come elemento di collegamento di tutta la composizione. Sempre sul tappeto andrebbero poi collocati uno o più tavolini, in modo tale da prevedere alcuni piccoli ripiani d’appoggio.

Il tavolo principale o da pranzo del soggiorno andrebbe sempre posizionato dietro al divano e, possibilmente, il più distante possibile dall’ingresso.

Anche il pavimento è un importante sfondo di arredo per il soggiorno. Al giorno d’oggi in commercio si trovano moltissimi materiali per realizzare una pavimentazione, ma se ci si appresta ad arredare una casa moderna ci si dovrebbe orientare per una delle seguenti opzioni:

  • Pavimento in legno (esistono svariate possibilità diverse per essenza, colore e finitura)
  • Pavimento in resina o battuto di cemento
  • Pavimento in lastre di ceramica o grès (a patto che siano di grande formato e con sottili fughe neutre opache)

Se si sta eseguendo una ristrutturazione, bisognerà prestare attenzione al pavimento esistente: a volte è meglio mantenerlo piuttosto che montarne uno nuovo.

In una casa moderna i colori del soggiorno sono importanti, ma non sono tutto: più che i colori si dovrebbe infatti parlare di materiali.

I colori delle murature di un soggiorno moderno dovrebbero essere neutri e chiari; il contrasto dovrebbe essere infatti realizzato solo con i materiali e le loro diverse finiture.

In particolari situazioni può capitare di scegliere un colore vero e proprio, da utilizzare per tinteggiare un’unica parete o per le tende.

Se le pareti e il pavimento del soggiorno sono già rivestite o colorate? (come per esempio può capitare in una casa che si prende in affitto). In questo caso, i mobili dovrebbero essere scelti in perfetto accordo con quanto presente all’interno della stanza, in modo tale da ricreare un ricercato equilibrio di tessuti, toni e materiali. Occorre aver sempre ben presente questo concetto sia nel momento in cui si scelgono divani, poltrone, tavolo e sedie, che quando ci si appresta a scegliere porte, finiture e oggettistica.

La regola generale è quella di utilizzare un massimo di 3 tonalità per tutto l’ambiente.

Se ad esempio nell’ambiente soggiorno il pavimento è un legno molto chiaro, si potranno colorare le murature di bianco (prima tonalità). La parete principale del soggiorno potrebbe essere rivestita con una boiserie in legno o tinteggiata di un colore leggermente in contrasto come un grigio (seconda tonalità). Il divano potrebbe essere in tessuto chiaro o grigio, così come anche le poltrone o le sedie, ma con le gambe in legno (terza tonalità).

A questo punto, il tavolo potrebbe avere una struttura bianca e il piano in legno mentre le porte dovrebbero seguire una continuità con la parete; pertanto se la parete è bianca, le porte andrebbero bianche.

L’oggettistica potrebbe poi essere realizzata in legno naturale, o avere i toni del grigio e del bianco.

Per riassumere: in questo esempio di arredamento soggiorno si sono individuate 3 tonalità (il bianco, il grigio e il legno naturale) abbinate ai vari elementi di arredo.

Per illuminare il soggiorno, meglio avvalersi di più fonti luminose, possibilmente a diverse altezze. Sarà pertanto necessario avere una luce generale realizzata a soffitto con singoli faretti o con un binario, in modo tale da illuminare maggiormente le zone in cui sono posizionati gli arredi.

Alla luce generale andrà poi accostata un’illuminazione puntuale di intensità inferiore attraverso lampade da terra, lampade a sospensione sul tavolo o strisce led nascoste che serviranno invece per enfatizzare i singoli elementi e creare una atmosfera soffusa.

Per illuminare il tavolo si potrà optare anche per una lampada da terra ad arco.

Ultimo (ma non meno importante) passo da seguire per arredare un soggiorno moderno, è quello di individuare correttamente tutti i complementi d’arredo, inserendoli in modo adeguato nel salotto.

I complementi indispensabili sono:

  • tende;
  • tappeti;
  • tavolini da soggiorno o laterali;
  • piante da appartamento; 
  • quadri;
  • oggettistica varia.

Tutti questi elementi dovrebbero essere in perfetta armonia e assonanza con tutto quanto pensato e scelto precedentemente nel rispetto del la regola delle tre tonalità illustrata poco fa.

In conclusione, il soggiorno moderno deve essere unico: elegante e confortevole al tempo stesso.

I migliori consigli su come arredare un salotto

Per sapere come arredare un salone accogliente e di design, si può giocare con le tonalità di colore e con le diverse sfumature per creare atmosfere piacevoli e ospitali. Il divano, protagonista indiscusso della zona living, farà da guida per le regole dello stile generale del salotto: l’importante sarà sceglierlo confortevole, quindi morbido e grande abbastanza per garantire piacevoli momenti di relax dopo una lunga giornata di lavoro. Le poltrone potranno essere posizionate di fronte o accanto al divano e andranno scelte sempre dello stesso colore e modello di quest’ultimo o in tonalità e stile contrastanti per avere un tocco di originalità, personalità ed eleganza. Di seguito ecco come arredare il salotto, soprattutto in stile moderno.

Come arredare il salotto moderno

Per arredare la zona living del salotto non potranno mancare i cuscini per divani, che conferiranno lo stesso un tocco di freschezza, eleganza e modernità. Sicuramente bisognerà trovare il giusto accostamento e in commercio ci sono moltissimi modelli tutti belli e colorati. Si può spaziare dal marine, caratterizzato dalle classiche righe in bianco e blu, al tirolese, caldo e romantico, dallo stile shabby chic con fascino vagamente retrò, al contemporaneo, sia in tinta unita che nelle fantasie astratte. Anche le coperte ricopriranno un ruolo fondamentale nell’arredo del soggiorno: si potranno scegliere colori e tessuti in base alla stagione in corso, adattandoli allo stile generale.

Per chi arreda il salotto, è importante sapere che fra gli accessori e i complementi di arredo di questo ambiente, le tende giuste creeranno sicuramente un’atmosfera intima e accogliente. Per un ambiente luminoso si potranno scegliere le tonalità più chiare dei tendaggi, come il bianco, il crema o il beige; se invece si ha necessità di una tenda oscurante, si potrà optare per dei tessuti pesanti nelle tonalità che vanno dal porpora al marrone.

Tra le idee per arredare il salotto, l’illuminazione è di fondamentale importanza. Sarà da preferire una luce calda e soffusa come quella delle abat-jour, che potranno essere sistemate in vari punti della stanza. Un bel lampadario a sospensione, invece, illuminerà e si farà notare nelle occasioni più importanti, come le cerimonie o le feste in famiglia.

I salotti ma anche i soggiorni di solito ospitano sulle pareti ritratti di famiglia, foto e immagini di paesaggi. Negli ambienti classici e antichi le cornici potranno essere eleganti e preziose, mentre saranno essenziali e semplici nei saloni moderni.

Il divano è il protagonista assoluto del salotto moderno, dove superata l’idea del soggiorno come tradizionale “sala da pranzo” si predilige dedicare lo spazio living al relax, al ricevimento degli ospiti, alla tv, alla lettura.

Nel mondo degli arredamenti per salotti, tra le tipologie di divano più amate, vi è quello lineare e cioè un divano a due o più posti che non presenta curve o angoli e che può caratterizzarsi per una  profondità della seduta sempre uguale, oppure per la presenza di un chaise-longue ad una delle sue estremità (penisole allungabili e retrattili). Le possibili collocazioni del divano all’interno del salotto moderno sono numerose basta usare la fantasia. Innanzitutto, lo si può posizionare al centro della stanza: in questo caso, poiché sarà visibile su tutti i lati, è consigliabile puntare su un modello che sia curato in ogni minimo dettaglio, e che abbia magari particolari di design che catturino l’attenzione. In alternativa, specialmente se il salotto è piccolo, il divano lineare a due posti potrà essere posizionato contro la parete, magari sotto una finestra: si tratta di una soluzione ideale per non togliere spazio agli altri arredi, e per agevolare il movimento all’interno di un locale dalle dimensioni ridotte.

Se invece i divani da mettere in salotto sono due, la soluzione più tradizionale, vede i due sofà l’uno di fronte all’altro – magari perpendicolari rispetto alla parete tv – oppure a formare una L, con un tavolino laddove si incontrano e un bel tappeto. Queste disposizioni sono possibili, quando lo spazio  è molto, poiché è sempre necessario considerare la libertà di movimento della persona all’interno del locale.

Author

Write A Comment